mtCarbonato

Vai ai contenuti

Menu principale:

Altri interventi

La critica > Interventi
 
 

VALENTINA BARBIERI ha scritto :

Uno scorcio dell'anima

Ho avuto modo di conoscere la passione di Mariateresa Carbonato attraverso la presentazione delle sue poliedriche opere: una vita vissuta in nome dell'arte ed in sintonia con l'ambizioso obiettivo di questa amministrazione che considera l'investimento in cultura un fattore imprescindibile per costruire solidi processi di sviluppo sociale ed economico.
La personale Non si vede bene che col cuore inaugura la stagione 2011 di "Deiva dialoga con l'Arte", progetto nato quattro anni fa nel segno dell'arte e della pittura.
Le porte della restaurata Torre Saracena, fiore all'occhiello delle sale espositive spezzine e liguri, si aprono ad un viaggio nel tempo e nello spazio, ad una realtà a misura d'uomo, ad un'artista originaria di Mezzema che riesce ad imprimere su tela tutto l'affetto per il territorio ligure che diventa suo come uno scorcio nell'anima.

Valentina Barbieri - Assessore alla Cultura
Deiva Marina, Torre Saracena, 17 giugno 2011

 
 

GIOVANNA BELTRAMINO ha scritto :

Mariateresa Carbonato e' di piu'

Un segno rapido e sicuro, pastosa e morbida la campitura, sempre gradevole il soggetto. Scorci di mare e di terra ligure, sempre vibranti e luminosi.
Mariateresa Carbonato è di più: è nelle finestre e nelle porte aperte, che introducono al Mistero e ci conducono oltre; è nel "costruire e ricostruire" dei suoi cantieri, fervore di operosita' e promesse, volonta' di conservare nel rinnovare; è nel titolo della mostra Non si vede bene che col cuore, scelta audace per un'artista figurativa, ma indicativa della profondità del suo lavoro e dà la risposta ai bisogni dell'anima che è l'Arte.
Una vasta produzione, molto varia nelle tematiche e sempre interessante nel suo significato, cattura l'attenzione ed offre momenti di crescita spirituale.
L'iconografia cristiana costituisce parte integrante del lavoro della pittrice. Molte le opere pubbliche realizzate in ambito religioso e anche in questa rassegna compaiono testimonianze delle nostre radici e della nostra cultura, ancora vive nell'orgoglio dei nostri piccoli paesi: i "Cristi fioriti". Come nelle processioni religiose, anche nelle tele di Mariateresa, si "sente" il tintinnio delle foglie dorate.
La mostra è solo la parte finale di un percorso di conoscenza, rivelatosi in questa occasione particolarmente stimolante. Possano tutti gli spettatori cogliere l'essenziale, ciò che non è visibile agli occhi.

Giovanna Beltramino - Consigliere delegato alla Cultura
Deiva Marina, Torre Saracena, 16 giugno 2011

 
 
 

PAOLA VIOTTO ha scritto :


Mariateresa Carbonato espone una serie di tempere eseguite in tempi e luoghi differenti. Questa diversità è rivelata essenzialmente dalle scelte cromatiche: nelle opere liguri, ad esempio, il prevalere dei verdi-azzurri, e dei grigi chiari e luminosi ci fa intuire un mondo dominato dai colori dell'ulivo e dal riverbero della luce sull'ardesia.
Il nucleo intorno a cui queste opere ruotano è però identico, non per scelta programmatica, ma perchè la mano e la mente ritornano di continuo su ciò che sta più a cuore. E' il tema dell'attesa e del silenzio l'attesa delle giovani donne ritratte in piedi o più spesso sedute, che guardano davanti a sé con pacata sicurezza. La serenità dei gesti e degli atteggiamenti, la semplicità degli ambienti disadorni ma nitidi e armoniosi ci restituiscono l'immagine di un rapporto con il quotidiano fatto di attenzione e di disponibilità a cogliere il senso pi profondo di ogni cosa.
In questa logica anche gli oggetti apparentemente banali acquistano un valore, come nel gruppo delle sedie, vuote non per riflettere il dramma angoscioso di un'assenza ma per indicare l'attesa di qualcuno che venga e prenda possesso dello spazio che è stato preparato. E' un invito a fermarsi e pensare: a non subire la vita, ma ad acquisire sempre più coscienza di qual'è la verità della propria vita, per essere protagonisti della vita.
Anche il linguaggio è piano e sobrio: pochi colori, stesure spesse talora incise da segni profondi, strutture spaziali di chiara evidenza.
1983

 
Torna ai contenuti | Torna al menu